Kim Jong-un, vivo e vegeto.

Pubblicato il Pubblicato in Attualità coreana, Corea del Nord

La storia di Kim Jong-un in fin di vita, in stato vegetativo o addirittura morto, è solo l’ultima delle occasioni che mostra come sia necessario usare cautela quando si parla di Corea del Nord. Le fonti sono scarse, e quando si parla di questioni attinenti i vertici dello stato o la sicurezza nazionale, e in primis della figura del leader, solo poche persone all’interno dell’apparato governativo nordcoreano sono a conoscenza dei fatti.

Negli ultimi giorni si sono susseguite molte speculazioni sulle condizioni di salute del leader nordcoreano, sulla sua vita e sulla sua presunta morte, e ciò nonostante il governo della Corea del Sud, forte di dati di intelligence e prove certe, avesse sin da subito respinto queste voci arrivando a bollarle come “infodemiche”.

Nella giornata di ieri, Kim Jong-un è riapparso sulla scena pubblica dopo venti giorni di assenza, partecipando alla cerimonia di inaugurazione di una nuova fabbrica di fertilizzanti fosfatici nella località di Sunchon, a nord di Pyongyang. Lo ha reso noto la KCNA, l’agenzia di stampa ufficiale nordcoreana.

Le foto scattate dalla KCNA mostrano Kim, vestito con un abito scuro alla Mao, che taglia il nastro rosso durante la cerimonia e parla con gli ufficiali di accompagnamento con un sorriso sul volto. Le foto ci dicono che 1) è vivo, 2) se fosse veramente malato, sarebbe comunque ancora autosufficiente e di certo non in coma.

Secondo il comunicato della KCNA, Kim si è informato sul “processo di lavorazione delle materie prime, il processo di produzione di fosforo giallo, il processo di produzione di fertilizzanti fosfatici di ammonio e il processo di imballaggio”. Il comunicato poi riprende le parole del leader che ha espresso “soddisfazione per la meravigliosa creazione, che espone i compiti e i modi per sviluppare la nostra industria chimica in un orientamento corretto, come richiesto dal nuovo secolo”.

Ad accompagnare Kim c’erano sua sorella Kim Yo-jong, Pak Pong-ju, vice presidente del Comitato Centrale del Partito dei Lavoratori, il Premier Kim Jae-ryong e altri alti funzionari.

Nel frattempo a Washington, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha rifiutato di commentare la ricomparsa di Kim. “Preferirei non commentare ancora”, “Avremo qualcosa da dire al riguardo al momento opportuno” ha detto Trump ai giornalisti alla Casa Bianca, secondo Reuters. 

Non è raro che Kim scompaia dal pubblico. La sua più lunga assenza dalla vista pubblica è stata nel settembre 2014, quando è scomparso per circa quaranta giorni ed è tornato con un bastone e zoppicando. L’agenzia di intelligence di Seoul in seguito disse che gli era stata rimossa una cisti dalla caviglia.

Le foto sono tratte dal sito della KCNA.

Corea del Nord: a Seoul scetticismo su indiscrezioni relative a stato di salute Kim Jong-un.

Pubblicato il Pubblicato in Attualità coreana, Corea del Nord

Secondo l’americana CNN il leader nordcoreano Kim Jong-Un sarebbe in gravi condizioni di salute, tuttavia da Seoul sembrano arrivare notizie opposte. 

Seul, 21 apr 06:18 – (Agenzia Nova) – Un funzionario governativo della Corea del Sud citato dal quotidiano “Korea Herald” ha espresso scetticismo in merito alle indiscrezioni diffuse dall’emittente televisiva Usa “Cnn”, secondo cui il leader della Corea del Nord, Kim Jong-un, verserebbe in gravi condizioni a seguito di un intervento di chirurgia cardiovascolare. Il funzionario descritto dal quotidiano sudcoreano come “a conoscenza delle questioni nordcoreane”, ha dichiarato che a Seul non risulta “alcunché di particolare” riguardo le condizioni di salute del leader nordcoreano, la cui ultima apparizione pubblica risale all’ultima riunione del Politburo del Partito del lavoro nordcoreano, lo scorso 11 aprile. Il ministero dell’Unificazione sudcoreano ha rifiutato di commentare ufficialmente le indiscrezioni.

Gli Stati Uniti stanno verificando informazioni d’intelligence secondo cui il leader della Corea del Nord, Kim Jong-un, verserebbe in condizioni critiche, dopo essersi sottoposto ad una delicata operazione chirurgica. Lo ha riferito nella giornata di ieri l’emittente televisiva statunitense “Cnn”, citando funzionari anonimi con “conoscenza diretta” della questione. Le speculazioni in merito alle condizioni di salute del leader nordcoreano si erano moltiplicate dallo scorso 15 aprile, quando Kim aveva apparentemente disertato l’annuale visita al Palazzo del Sole di Kumsusan, il mausoleo dedicato a Kim Il-Sung, fondatore della Repubblica Popolare Democratica di Corea e nonno dell’attuale leader nordcoreano. Dalla sua ascesa al potere, nel 2011, Kim Jong-un non aveva mai mancato di visitare il mausoleo per l’anniversario della nascita del nonno, che coincide anche con parate militari su larga scala ed altri eventi culturali e sportivi. Secondo le indiscrezioni pubblicate da “Daily NK”, quotidiano online con sede in Corea del Sud, e specializzato nelle notizie riguardanti il regime nordcoreano, Kim sarebbe stato sottoposto il 12 aprile scorso ad una operazione cardiovascolare, resasi necessaria a causa “del fumo eccessivo, dell’obesità e del sovraffaticamento da lavoro” del leader nordcoreano.

La Corea del Nord viola le sanzioni ONU con l’aiuto della Cina. Lo affermerebbe un gruppo di esperti delle Nazioni Unite.

Pubblicato il Pubblicato in Attualità coreana, Corea del Nord, Politica coreana, Relazioni internazionali

Secondo diverse agenzie di stampa e quotidiani internazionali tra cui France Presse, The Guardian e Reuters, il “Panel of Experts” del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Uniti, dedicato al monitoraggio delle sanzioni internazionali alla Corea del Nord, avrebbe emesso un report (al momento purtroppo non scaricabile dal sito delle Nazioni Uniti) dal quale emergerebbero violazioni all’attuale regime sanzionatorio internazionale.

Nello specifico, la Corea del Nord nel 2019 avrebbe intensificato notevolmente il commercio di carbone e di prodotti petroliferi attraverso l’apparente aiuto di aziende cinesi operanti nel settore della logistica marittima.

Il rapporto, secondo le citate fonti, sarebbe stato pubblicato online sul sito dell’ONU venerdì 17 aprile per poi scomparire dopo alcune ore.

Pubblicando fotografie, registri di spedizione e comunicazioni ricevute dagli Stati membri, il gruppo di esperti scientifici ha affermato che la Corea del Nord avrebbe violato il divieto totale delle Nazioni Unite di esportare carbone, nonché le restrizioni alle importazioni di petrolio raffinato.

“La continua violazione da parte della Repubblica Democratica Popolare di Corea dei divieti di esportazione delle merci non solo è contro le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza, ma serve a finanziare un flusso di entrate che ha storicamente contribuito ai programmi vietati sul nucleare e sui missili balistici del paese”, sarebbe scritto nel rapporto.

Il Panel, citando i dati forniti da un paese non meglio specificato, ha stimato che la Corea del Nord avrebbe esportato 3,7 milioni di tonnellate di carbone tra gennaio e agosto dell’anno scorso, incassando circa 370 milioni di dollari.

La maggior parte delle esportazioni di carbone sarebbero state trasferite da navi nordcoreane su chiatte cinesi, per poi raggiungere i porti nella baia cinese di Hangzhou, vicino Shanghai. Le spedizioni tra maggio e agosto dello scorso anno sarebbero state ben 47.

Sempre secondo il rapporto, la Corea del Nord avrebbe superato di gran lunga il limite di 500.000 barili all’anno imposto dalle Nazioni Unite per l’importazione di petrolio raffinato. Citando gli Stati Uniti come fonte, il Panel ha affermato che la Corea del Nord avrebbe importato più di 3,89 milioni di barili tra gennaio e ottobre 2019.

Poiché, come si diceva all’inizio, il report non è al momento disponibile, il condizionale è d’obbligo, e non possiamo che fare riferimento agli articoli della stampa internazionale.

Scarica il “Korea Net Assessment 2020” del Carnegie.

Pubblicato il Pubblicato in Attualità coreana, Corea del Nord, Corea del Sud, Politica coreana, Relazioni internazionali

Il “Carnegie Endowment for International Peace”, un celebre think tank americano, ha prodotto il “Korea Net Assessment 2020”, un report molto ampio sull’attuale situazione di difesa e sicurezza nella penisola coreana e sulle possibili evoluzioni future. Il report analizza la situazione attuale anche, ma non solo, sulla base delle valutazioni ufficiali quali i white papers sulla difesa della Corea del Sud e numerosi rapporti pubblicati dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, valutazioni che forniscono una panoramica dell’evoluzione dell’equilibrio militare tra le due Coree. 

Secondo il report del Carnegie gli aspetti critici sono ancora molti. Ci sarebbe un divario significativo tra le “rosee” valutazioni di Trump e Moon Jae-In sulla possibilità di un accordo nucleare e di una pace duratura sulla penisola e la realtà dei fatti. La situazione militare nella penisola coreana non sarebbe migliorata dall’avvento delle amministrazioni di Trump e Moon. Contrariamente alle dichiarazioni di Trump successive al vertice di Singapore del giugno 2018, secondo cui le armi nucleari della Corea del Nord non rappresenterebbero più una minaccia, sarebbe vero il contrario: l’arsenale nucleare della Corea del Nord ha continuato a crescere. L’esercito nordcoreano non avrebbe mai smesso, inoltre, di accumulare missili balistici, compresi missili balistici sottomarini (SLBM).

Cliccando qui è comunque possibile scaricare il report completo.