Korea Literature Now: intervista a Jeong You Jeong.

Posted Pubblicato in Corea del Sud, Cultura coreana

<Published under authorization of Korea Literature Translation Institute (source koreanliteraturenow.com)>

Jung Yeoul: I’d like to start by asking what you’ve been up to since 28 and The Good Son were released.

Jeong You Jeong: From May last year, when The Good Son was released, until October, I was on a publicity tour for the book and attending literary events. I met quite a few international readers in places like Arles and Aix-en-Provence, in France, too. I gave a talk about Seven Years of Darkness at a huge library, and I was really pleased to see foreign readers actively asking questions and buying a lot of copies of the book. Recently, I went to the United States for the first time. My younger sister lives there. I was intending to plan out my next novel under the warm California sun, but we spent so much time swimming and enjoying the sunshine that the trip went by faster than I realized. I’m now in the midst of research for that novel. While I was writing The Good Son, which has a psychopath as the protagonist, I started to worry that the book was getting to me and I was becoming a psychopath myself. But after resting and allowing myself to recharge, it seems like I’m ready to start working on something new.

Jung: The premise of 28 is that a disease is transmitted to humans by man’s best friend—dogs. I’m curious to know what prompted you to come up with this idea.

Jeong: In 2011, South Korea was struck with an outbreak of foot-and-mouth disease. As a reactionary measure, countless cows and pigs were buried alive. Millions of cows and pigs, buried alive just like that. When I saw on the news what was happening, it rubbed me the wrong way, but I didn’t think about it much. One day early in the morning, though, I saw a video by an animal rights activist who’d gone to a place where pigs were being buried. The activist was almost wailing as she shot this video of pigs being indiscriminately buried alive. On camera was this scene of holes being dug and pigs being pushed into them, squirming to stay alive and stepping on top of each other, and the activist absolutely bawled while watching. I cried a lot, too. God will spite us for this, I thought. I wondered what would have happened if this hadn’t been foot-and-mouth disease but some truly deadly animal-spread illness—if it had been a deadly infectious disease, something that could be spread by dogs and cats, would we humans have killed all our cats and dogs, too? Those were the questions that came to mind. That evening, I finished a short synopsis of the book. I was originally a nurse, but I needed more specialized knowledge about contagious diseases, so I searched out veterinary professors and studied up on viruses before writing 28.

Jung: Unlike your other books, 28 has multiple narrators and is told from several points of view. Did your decision to structure the book like this have a connection to its subject matter?

Jeong: With Seven Years of Darkness, I went deep into the narrator’s inner thoughts, but in 28, I was trying to expand my narrative capabilities as much as possible. Just one perspective isn’t sufficient to do that. The main character has blind spots, you see. If I’d told the story as an omniscient narrator, the mentality of the novel’s protagonist or narrator wouldn’t have been as vivid, so I wrote neither in the first person nor as an omniscient narrator—I wrote in close-range third person, with multiple narrators. Since it was the first time I’d written in third person from multiple perspectives, it was really challenging and strenuous, but after completing the novel, I had a new sort of confidence as a writer.

Jung: Your work has dealt with the idea of the villain in multiple ways, but you said that in The Good Son, you were able to pursue this idea most satisfactorily and with the most depth. What made you want to explore the inner mind of a villain?

Jeong: I think that there are two coexisting sides to humans. You can really see this if you compare us to apes, the typical examples being orangutans, gorillas, chimpanzees, and bonobos. Bonobos are a pacifist species, and they try to solve all conflicts with love. Because they use physical connection as the solution to conflict, you sometimes hear that Bonobos are “promiscuous.” Chimpanzees, on the other hand, are masculine and aggressive. I see humans as having both these extremes, the bonobo-like pacifism and the chimpanzee-like aggression. In some regards, humans are unbelievably noble, and in other regards, unbelievably shameful and nasty and wicked. What I depict best is not humanity’s grandeur but its wickedness. Since college, I’ve really enjoyed classes related to psychiatry. This interest in humanity’s dark and wicked sides developed into my curiosity as an author who writes thrillers.

Jung: How did your way of thinking change before and after you started to write books? I’m curious to know how your thoughts about evil have changed.

Jeong: Before I started writing novels, I thought that it was evil to disobey the norms that have been laid out by our society, to commit acts like murder or theft. But after studying evolutionary psychology and cognitive science, I realized that social norms and morality are elements of cultures, and that these norms are things that humans have created. If other animals fight and kill amongst themselves, we don’t say that it’s wicked or pass moral judgment. I find it very interesting to think about human evils for what they are and to study where they come from without using morality as a restrictive standard. I’ve developed an eye for looking at the “evil itself” without holding it to a moral standard or ethical criterion.

Jung: I’m curious to talk about what you’ve been working on recently as well. Your readers are probably wondering, too. What are you writing right now?

Jeong: It’s been ten years now since I became a writer, and I’ve published five books. For my sixth book, it looks like I’m going to finally have a female protagonist at the forefront. I’ve only written male protagonists until now. I’m planning to bring a lot of fantastical elements into the next novel. The book will draw from the genre of fantasy while maintaining the elements of a thriller. As in 28, the premise will be widespread societal disaster.

Jung: I know that you take copious amounts of notes when you’re working on a novel. I’d like to hear about the writing process, from your initial ideas for subject matter to the synopsis to the completion of the work.

Jeong: Once I have an idea and write down a synopsis, I start to do a huge amount of research. First I read a ton of books, next I do interviews, and then I handwrite a draft in a notebook. Then I see what I need to supplement. After that. I go out to gather more information and add what’s needed. This is when the real work begins, and as I start to work on my laptop, I add flavor to the details, make the scenes livelier, and give the characters more of a three-dimensional quality. Even though it’s just a rough draft, I go through these three steps in the writing process. If more than 10 percent of the original draft is left, I consider the novel to be a failure. This is because what I think of first tends to be at the surface level of my consciousness, and I find that that’s not where my real creative inspiration lies. I’m not the type to trust myself. Only if I skim off that first superficial idea will the real story hiding at the bottom of my consciousness rise to the top, so I revise my drafts multiple times, throw them away, and write them again. Lastly, I read the manuscript backwards. If I have chapters one through twenty, I read from twenty to one. When I examine the story backwards like this, I can see the final holes in the manuscript. Filling those holes is my last job. The novel that was the most different from its original synopsis was The Good Son, and the most difficult to revise was 28.

Jung: You’re also a really diligent reader, as you read widely in a variety of fields for your research. What have you been reading recently?

Jeong: A while ago, I developed an interest in astrophysics. I’ve been learning about the Big Bang Theory, too. I looked at some books on quantum physics as well, but they were so difficult that reading them would make my mind go blank, and I’d slump over as if I’d just taken ten sleeping pills at once. [laughs] Now I’m very interested in anthropology. Jared Mason Diamond’s books are all good. Recently I’ve been reading research on apes and chimpanzees, anthropology and social psychology readings, things like that. Yuval Noah Harari’s Homo Deus is really interesting, too.

Jung: If you look at your previous works, they all have strong components of a thriller. Is there a reason you’re attracted to thrillers in particular?

Jeong: I think there are two kinds of novels. The first type is a novel that makes you think and the second is a novel that gives you experiences. Novels that make the reader think are philosophical and are difficult, profound stories. In novels that make readers have new experiences, the most important thing is a feeling of solidarity with the reader. You have to grab the reader’s hand and pull him or her into a new, unfamiliar world. Then you have to lock the door so he or she can’t escape. I always wanted to write those kinds of novels. I wanted to show this world that I created to readers and say, “This is how I see the world and humanity and life. How do you see them?” And that’s how I came to enjoy thrillers, because they incite curiosity in readers. I like fear, too. When I was writing Shoot Me in the Heart, I spent about a year going hiking alone at night in order to understand the psychology of a blind person. It was a little scary, walking through cemeteries alone. I’d like for readers to feel that same sort of chilly terror when they read my books. I hope that reading my books has that same thrilling excitement, the feeling you get when you turn around thinking, “Is there something behind me?” or because it seems like someone just brushed by you.

Jung: Shoot Me in the Heart has been turned into a movie, and Seven Years of Darkness and The Good Son are currently in the process of being made into films as well. How do you feel about this?

Jeong: I think that movies are really in the realm of the director. I don’t care if the director caters to my own novelistic intentions; I just want the movie to show off the director’s creative vision. I actually hope that the director can present some completely new perspective that I’ve never thought of. The scriptwriters have all told me that out of the books they’ve worked with, my novels are the most difficult to make into movies. There’s no fluff that can be cut out. If you remove even one plot element from the original novel, the entire narrative structure falls apart. When I last saw the script for Seven Years of Darkness, it was in its thirtieth draft. The thirtieth draft! They said that after that, they revised it seventeen more times. That’s how difficult and frustrating it is to make novels into movies.

Jung: Thrillers are such a firmly established genre abroad that it must have been a challenge to break into the market. I’d like to hear if you think that there are certain characteristics common to your novels, traits that distinguish “a Jeong You Jeong thriller.”

Jeong: I don’t target foreign readers when I write novels. I don’t even target domestic readers. Readers say that I’m not a reader-friendly writer. It seems like I always do the exact opposite of what they want. They ask me, “Please, could you just stop writing about villains?” but I don’t. Other readers ask, “Can’t you make your dark stories a little more palatable and write something happy with nice characters?” I’m the kind of writer who doesn’t bend to the will of my readers at all. Instead, I try as hard as I can to make them enjoy my writing. If that means I need humor in the book, I write humor, and sometimes I even make the story lewd—whatever it takes to make readers interested enough to turn to the next page. But with that in mind, the premise and the subject matter are completely my own. I don’t work around readers’ tastes but focus rather on the psychological thriller at hand. I pay a lot of attention to shedding light on characters’ inner psychology.

Jung: I want to hear what you’re going to write next. What do you plan for the future?

Jeong: I want to tell the most fundamental, basic life stories. Just like everyone else, there have been a lot of twists and turns to my life, and we all have our own grief. I want to write about these simple twists and turns and sorrows. My hope has always been to put out novels regularly, and at a certain level of quality. I hope that I can continue to write for the rest of my life.

by Jung Yeoul
Literary Critic and Writer

IMAGING KOREA – Oltre i Popoli, la Terra ed il Tempo

Posted Pubblicato in Arte coreana, Eventi sulla Corea

Segnalo che dal 23 novembre al 21 dicembre 2017 si svolgerà a Roma, presso l’Istituto Culturale Coreano, la mostra fotografica <IMAGING KOREA – Oltre i Popoli, la Terra ed il Tempo>, una mostra itinerante che ha già effettuato delle tappe in altre città europee e che ora arriva in Italia. Il percorso espositivo raccoglie immagini della Corea di profonda poeticità, sul popolo, la terra e il tempo di una Corea osservata nei suoi cambiamenti da sette fotografi di varie tendenze artistiche.

Arte coreana: Kwon Young-Woo.

Posted Pubblicato in Arte coreana

Kwon Young-Woo (1926-2013), senza titolo, 1984, cm 135 x 109, inchiostro su carta.

Kwon Young-Woo è stato uno dei maggiori interpreti della pittura coreana monocroma contemporanea. Ha principalmente lavorato con strumenti della tradizione coreana quali la carta e l’inchiostro ma sperimentando sempre nuove tecniche. Nell’opera riprodotta, ad esempio, ha effettuato delle incisioni sulla carta lasciandovi scorrere successivamente l’inchiostro all’interno.

Arte coreana: il Celadon del periodo Goryeo.

Posted Pubblicato in Arte coreana, Cultura coreana

Un pregiato esempio del famoso celadon coreano con la rappresentazione di una gru, motivo molto ricorrente nell’arte coreana ed orientale, simbolo di nobile spirito e longevità. Il pezzo è decorato con nuvole (a forma di carattere cinese “之”) che si snodano nel cielo, mentre le gru volano liberamente tra di esse. Questi eleganti disegni mostrano un aspetto dello stile di vita e del gusto dell’aristocrazia coreana durante il Regno Goryeo (918-1932).

Il pezzo è attualmente conservato presso Il National Museum di Seoul.
(Il celadon è un tipo di ceramica che utilizza una vetrinatura traslucida, cioè uno smalto vetroso, di colore tendenzialmente verde o blu-grigio).

Crisi coreana e nuovi equilibri in Asia

Posted Pubblicato in Attualità coreana, Corea del Nord, Corea del Sud, Eventi sulla Corea, Politica coreana, Relazioni internazionali

Il giorno 11 ottobre 2017 alle ore 18,00 presso l’ISPI si parla di Corea. Ne discutono:

Alessia AMIGHINI, ISPI e Università del Piemonte Orientale

Lucio CARACCIOLO, Limes

Dario FABBRI, Limes

Francesca FRASSINETI, ISPI e Università di Bologna

L’incontro è promosso in occasione della pubblicazione del numero di Limes dedicato a questi temi.

L’evento sarà trasmesso in diretta streaming sul sito dell’ISPI.

Per partecipare all’incontro, che si terrà a Milano il prossimo 11 ottobre alle ore 18.00 presso la sede dell’ISPI (Palazzo Clerici – Via Clerici, 5), è necessario iscriversi cliccando qui.

Han Kang a Milano per presentare “Atti umani”.

Posted Pubblicato in Attualità coreana, Cultura coreana

Gwangju, Corea del Sud, maggio 1980: dopo il colpo di Stato di Chun Doo-hwan, nel paese vige la legge marziale. Tutta la Corea del Sud è scossa da manifestazioni e rivolte, studentesche e non. Il 18 maggio scoppia una pesante insurrezione nel centro della città di Gwanju. I militari aprono il fuoco. Sono centinaia le vittime di quello che è passato alla storia come il “Massacro di Gwanju”. Un dramma poco noto e mai narrato in occidente.

E’ dedicato a loro l’ultimo libro della scrittrice coreana Han Kang, vincitrice del Premio Malaparte 2017, un lungo dialogo tra i vivi e i morti a proposito della brutalità del potere e delle sue conseguenze.

Il 5 ottobre 2017, alle ore 18,30, sarà alla Feltrinelli di Milano, Piazza Duomo, per incontrare i lettori.

 

Arte coreana: Kim Hongdo.

Posted Pubblicato in Arte coreana, Cultura coreana

Un pezzo della collezione permanente del Museo Nazionale di Seoul a firma del celebre pittore Kim Hongdo (1745-1806), cm 28 x 24. L’artista cattura un gruppo di artigiani impegnati nella costruzione di una casa tradizionale. Uno dei lavoratori lancia le tegole al collega sul tetto, un altro tira con una corda il fango necessario ad applicare le tegole, i capentieri lavorano il legno e controllano la perpendicolarità delle colonne.

Sapori della Corea.

Posted Pubblicato in Cultura coreana, Eventi sulla Corea

Ricordiamo che sabato 16 settembre a Milano si svolgerà l’evento “Sapori della Corea” dedicato alla cucina coreana, organizzato dalla aT- Korea Agro-Fisheries & Food Trade Corporation e dal Consolato coreano di Milano, presso lo spazio FARM 65, Alzaia Naviglio Pavese 260.
Questo il programma:

h. 15.00
Saluti del Console Generale Chang Chae-Bok

Showcooking a cura di uno chef coreano e degustazione

h. 16,30
Degustazione di cibi e bevande coreane

Hansik contest (gara di cucina coreana)

L’evento, aperto al pubblico, intende promuovere e diffondere la conoscenza della cucina coreana, tra le più salutari e gustose al mondo, avvicinando gli italiani alla ricca cultura millenaria della Corea.

Uno stand promozionale di aT- Korea Agro-Fisheries & Food Trade Corporation vi attende con una varietà di prodotti alimentari tipici della cucina coreana.

****

Le salse fermentate (JANG) e le altre pietanze coreane.

L’elemento fondamentale che caratterizza la cucina coreana (Hansik) è dato dall’importanza e dalla diffusione dei cibi fermentati quali le salse (Jang) che rappresentano la base di numerose ricette. Fra le salse più utilizzate ritroviamo:

Gochujang: è una salsa fermentata preparata con peperoncino rosso dolce o piccante, farina di riso, farina di meju (soia fermentata), malto d’orzo e sale. Il Gochujang è utilizzato per preparare il Bibimpap, il Tteokbokki e il Jeyuk-bokkeum. Contiene un livello elevato di capsicina e vitamina C ed aiuta la digestione.

Doenjang: è una salsa a base di pasta di soia meju fermentata in salamoia con peperoncini secchi. Dopo la fermentazione viene estratto il meju che diventa Doenjang, mentre il liquido rimasto viene utilizzato per produrre la salsa di soia Ganjang. E’ l’ideale condimento per zuppe (Doenjang-jjigae) e verdure. Viene considerata un cibo salutare in quanto contiene una elevata percentuale di proteine e previene l’obesità. E’ inoltre ricca di vitamine, minerali e Omega 6.

Ganjang: è la classica salsa di soia, estratta dal liquido prodotto dalla fermentazione del Doenjang. Per regolarne l’intensità del sapore viene bollita più volte. E’ usata come condimento per marinare pietanze come il Bulgogi o il Galbi. E’ inoltre utilizzata come condimento nel Japchae.

Ssamjang: è preparata unendo Gochujang e Doenjang con l’aggiunta di olio di sesamo, aglio e cipolla tritati.

Oltre alle salse, il Kimchi è senz’altro l’alimento fermentato più conosciuto della Corea. Si tratta di un contorno sempre presente sulle tavole dei coreani a base di cavolo cinese, condito con aglio, cipollotti e peperoncino macinato, il tutto lasciato a fermentare. Ne esistono moltissime varietà in tutta la Corea e viene utilizzato sia come contorno che come base per zuppe o altre pietanze. I fermenti lattici del Kimchi rafforzano il sistema immunitario del nostro organismo. Il Kimchi è conosciuto per le sue proprietà anti-invecchiamento e anti-cancerogene.

Anche alcuni liquori tipici coreani nascono da un processo di fermentazione. Un esempio è il Makgeolli, un liquore di antichissima tradizione prodotto dalla fermentazione di cereali. La ricetta originale prevede l’utilizzo del riso (da cui il colore tipico bianco latte) ma vi sono varietà a base di grano, miglio e mais. Si tratta di una bevanda dalla bassa gradazione alcolica (6% circa).

Gara di cucina coreana.

Posted Pubblicato in Eventi sulla Corea

Segnalo che il Consolato Generale della Repubblica di Corea a Milano sta organizzando l’evento “Gara di cucina coreana 2017” che si terrà sabato 16 settembre 2017 presso lo spazio FARM 65, Alzaia Naviglio Pavese 260 a Milano.
Questo è il programma:

h. 15.00
Degustazione e Show cooking a cura di aT- Korea Agro-Fisheries & Food Trade Corporation

h. 17.00
Hansik contest (Gara di cucina coreana), aperto a cuochi professionisti e amatoriali

Le iscrizioni per partecipare alla gara di cucina coreana sono ancora possibili fino al 5 settembre. Informazioni e requisiti di partecipazione sono pubblicati sul sito: http://ita-milano.mofa.go.kr/worldlanguage/europe/ita-milano/mission/news/index.jsp .
Premi per i vincitori della gara: 1° posto €2,000, 2°posto €500, 3° posto €300

Per info e contatti:

Consolato Generale della Repubblica di Corea

Piazza Cavour 3, 20121 Milano

Tel. 02.4537.3305 (Dott.ssa KIM Noori del Consolato)

391.732.4013 (Dott.ssa LEE Whashin, coordinatrice dell’evento)

E-mail : garadicucinacoreana2017@gmail.com

Letteratura coreana: Choi In-hun.

Posted Pubblicato in Cultura coreana

Romanziere, poeta, drammaturgo e teorico, Choi In-hun è uno dei più acclamati e versatili scrittori e intellettuali della Corea del ventesimo secolo. Nato nel 1936, Choi è cresciuto a Hoeryong (attuale Corea del Nord), per trasferirsi al Sud all’inizio della guerra di Corea. Ha studiato Legge presso la National University di Seoul prima di entrare sulla scena letteraria nel 1959 con il suo racconto “A Detailed Record of Grey Club”. Il periodo dalla metà degli anni ’50 alla metà degli anni ’70 – caratterizzato dallo scontro tra la modernità occidentale e la tradizione coreana, dal pesante fardello dell’era coloniale, dal disastro della guerra, dalla divisione fisica ed ideologica fa le due Coree e dall’autocrazia – si riflette nelle complesse opere di Choi In-hun dall’approccio particolarmente eclettico.

Oggi Choi è riconosciuto per i suoi romanzi, che comprendono “The Square”, l’intensa storia di un intellettuale così devastato dalle realtà su entrambi i lati della linea di demarcazione da precipitare nella morte, o “A grey Man”, un “romanzo delle idee” su un rifugiato nordcoreano che lotta con l’amore, il tempo e la rivoluzione democratica. Il personaggio riappare nel sequel “Journey to the West”, dove si impegna in discorsi surreali impersonificando figure della storia coreana. Tuttavia, soprattutto nella sua fase creativa iniziale, Choi In-hun ha anche prodotto molte novelle e racconti come “Reflections on a Mask”, una novella sull’esperienza della guerra e sul tentativo di reintegrazione nella società, come pure parodie della narrativa pre-moderna cinese e coreana: la novella “The Cloud Dream of the Nine”, remake onirico dell’opera del 17^ secolo di Kim Man-jung; “The Jehol Diary”, una parodia del famoso travelogue di Park Jiwon; “New Tales of the Golden Turtle”, una reinterpretazione dei racconti di Kim Si-seup della prima dinastia Joseon.

Molte delle figure di Choi In-hun sono intellettuali e artisti disillusi e in crisi di identità, sopraffatti dai grandi e tragici eventi della storia, dal colonialismo giapponese alla guerra. Una tale figura, per esempio, è A, protagonista di “New Tales of the Golden Turtle”. Dopo essere fuggito dal Sud al Nord durante la guerra, A viene addestrato come spia da inviare in missione in Corea del Sud alla fine del conflitto. Pentendosi per la sua precedente decisione, pianifica di consegnarsi ai funzionari della Corea del Sud ma, mentre attraversa il confine e si avvicina in silenzio al fiume che separa i due paesi, viene ucciso a colpi di pistola da alcuni ladri che lo derubano, gettando poi il corpo nel fiume Imjin. Tra le onde oscure del fiume, l’anima di A esce dal foro del proiettile e, accoccolandosi sul corpo senza vita, viene trascinata dai flutti a valle. “Ma dimmi, cosa ho fatto di male?” grida l’anima, riflettendo su una vita senza senso, di disperazione e divisione, mentre viene trasportata dalle acque del fiume che separa le due Coree in una sconosciuta oscurità. La letteratura di Choi In-hun è profonda, sorprendente, sconcertante e profondamente radicata nella Corea moderna.

Corea del Nord lancia tre missili a corto raggio.

Posted Pubblicato in Attualità coreana, Corea del Nord, Corea del Sud, Relazioni internazionali

La Corea del Nord ha effettuato quest’oggi il lancio di tre razzi a corto raggio in direzione del Mar dell’Est, in un’apparente dimostrazione di forza contro l’annuale esercitazione militare congiunta Corea del Sud-Stati Uniti in corso in questi giorni. Il Cheong Wa Dae (l’Ufficio della Presidenza della Repubblica) e la Difesa sudcoreana hanno affermato che il Nord ha lanciato “diversi” missili con un avanzato sistema a razzo multiplo e che hanno volato per circa 250Km. Il Comando per il Pacifico degli Stati Uniti ha dichiarato che dei tre missili, il primo e il terzo hanno percorso circa 250 chilometri in direzione nord-orientale, mentre il secondo sarebbe esploso subito dopo il lancio.

Il test non ha destato particolari timori in quanto piuttosto prevedibile. Ogni anno, infatti, la Corea del Nord effettua dei test missilistici o delle esercitazioni militari in risposta alle esercitazioni svolte dal Sud con gli Stati Uniti (Ulchi Freedom Guardian). Dopo il lancio dei missili, il Presidente sudcoreano Moon Jae-in ha convocato una riunione del Consiglio di Sicurezza Nazionale per analizzare il lancio, la disponibilità militare e la situazione generale di sicurezza del paese.

Erede Samsung condannato a 5 anni.

Posted Pubblicato in Corea del Sud, Politica coreana

Lee Jae-yong, erede della più ricca e potente famiglia della Corea del Sud e del più grande gruppo industriale del paese, Samsung Group, ha ricevuto una condanna a cinque anni nel primo processo per corruzione in relazione allo scandalo che ha portato nei mesi scorsi alla rimozione dell’ex presidente Park Geun-hye. E’ stato dichiarato colpevole di tutti e cinque i capi d’accusa per i quali, tuttavia, la procura aveva chiesto dodici anni. Insieme a Lee Jae-yong sono stati condannati altri quattro alti dirigenti del gruppo Samsung.

Nella lettura della condanna il Giudice ha affermato: “la collusione del potere politico e del capitale è stata al centro di questo caso… Quello che sconvolge i cittadini è che la collusione tra grandi conglomerati e il presidente sia stata una relazione continua e non episodica ed appartenente al passato”. Gli avvocati di Samsung hanno comunicato che faranno appello.

 

Giornata della cultura coreana a Pietrasanta.

Posted Pubblicato in Eventi sulla Corea

L’Istituto Culturale Coreano organizza per il 14 agosto, a Pietrasanta, una giornata dedicata alla cultura coreana con diversi eventi gratuiti e aperti al pubblico. Si comincia alle ore 10.00 presso il Chiostro di Sant’Agostino con una dimostrazione di calligrafia tradizionale, dove sarà possibile ricevere il proprio nome scritto in coreano su carta di gelso Hanji.  Segue alle 18.00 l’inaugurazione della mostra ‘Immagini della Corea’ con un angolo dedicato alla prova degli abiti tradizionali Hanbok. Dalle 19.30 appuntamento a Piazza Duomo dove si svolgerà lo spettacolo di musica folcloristica coreana Samulnori, diretto dal Maestro Kim Duk-soo. Si tratta del gruppo più autorevole nella storia del Samulnori. Fondato nel 1978, ha tracciato una rinascita nella scena musicale coreana ed è stato determinante nel tramandare una lunga tradizione di musica folcloristica, attraverso la fondazione di un Accademia musicale. Lo spettacolare suono del Tamburo Janggo di Kim Duk-soo accompagnato dal K’kwaenggwari (piccolo gong) Jing e Buk porteranno a Pietrasanta tutto lo spirito di allegria e vivacità della musica folcloristica coreana.

La guerra dimenticata.

Posted Pubblicato in Corea del Nord, Corea del Sud

di Emiliano Pennisi – Il 27 luglio 1953 nel villaggio coreano di Panmunjeom, a ridosso del 38° parallelo, il generale nordcoreano Nam Il e quello americano, William Harrison Jr. firmarono l’armistizio che sospese la Guerra di Corea, uno dei conflitti più drammatici del XX secolo.

“La guerra dimenticata”, iniziata nell’estate del 1950, durò circa tre anni e quando si giunse alla tregua i morti erano più di tre milioni, molte famiglie furono separate fino ancora a oggi, mentre Seul e Pyeongyang vennero quasi distrutte. Il villaggio di Panmunjeom non esiste più, cancellato dalla guerra. Al suo posto, un chilometro più a sud, si trova la Joint Security Area, l’unico luogo lungo tutta la Zona Smilitarizzata (DMZ), in cui i soldati del Sud e del Nord si fronteggiano a pochi passi di distanza, in un silenzio fermo nel tempo, sorvegliando giorno e notte la Military Demarcation Line, il confine vero e proprio. Un confine de facto.

Le due Coree rimangono tecnicamente in guerra, in 64 anni non è stato firmato alcun trattato di pace. La vita dei coreani dipende ancora dall’armistizio del 27 luglio 1953, e fintanto che non ci sarà una vera pace nella penisola, la Guerra di Corea non potrà dirsi ufficialmente conclusa.

Emiliano Pennisi, di Roma, vive a Seoul da 11 anni, dove insegna lingua e cultura italiana alla Sogang University.

Arte contemporanea coreana al San Fedele Arte di Milano.

Posted Pubblicato in Eventi sulla Corea

Lunedì 17 luglio si inaugura presso il Centro San Fedele Arte di Milano un’altra tappa della Korean Wunderkammer 2017. L’esposizione raggruppa alcune delle tendenze della pratica artistica odierna della Corea del Sud, in particolare dell’isola di Jeju, terra natale di Orange Bridge, associazione artistica che vuole essere un ponte tra la cultura artistica italiana e quella coreana. Oggetto della mostra installazioni, pittura e fotografia.

La fotografia avrà un ruolo di rilievo come strumento del linguaggio contemporaneo, nei reportage di Suh Jung hee e Moon Ji-sook. Il lavoro di Juno Moon offre uno sguardo sulla tradizione del lavoro femminile nell’isola di Jeju, che riflette la cultura del luogo nel suo rapporto con il mare, mentre Suh Jung-hee presenta un reportage realizzato durante il viaggio di otto mesi attraverso aree molto lontane dell’Asia. Qui ad essere esplorata è la tradizione sciamanica, dimostrando come la spiritualità sia una componente culturale identitaria, patrimonio dell’area di riferimento.

La pittura presentata nella mostra si declina mescolandosi a diverse tecniche per toccare temi riguardanti la storia personale degli artisti, sempre in relazione al contesto del territorio che ospita la genesi delle opere.

Oh Geon-yong cerca la poesia senza tempo dell’oceano con la sua pittura unificata alla ceramica, componendo diverse tele o pannelli dai colori organici, dove affiorano elementi plastici come crateri lunari o resti del passaggio marino.

Kim Seung-ho rielabora la tragedia del naufragio del Seowol avvenuto il 16 aprile 2014 nelle acque della Corea del Sud, con solo 172 sopravvissuti su 476 persone, uno dei peggiori disastri avvenuti nel paese in tempo di pace. L’artista si concentra sia sul concetto di perdita di vite umane che sul loro salvataggio: presenta quindi un’installazione composta da un dipinto raffigurante le onde oceaniche e la spiaggia che in pochi hanno raggiunto infine, di fronte ad esso una lampadina illumina un cumulo di abiti ripiegati e impacchettati come un cerimoniale commemorativo dei dispersi, o un ex voto per i vivi.

Anche Kim Kyu-yeon crea un’installazione, in questo caso i diversi materiali di recupero indagano e metaforizzano la natura umana nel passaggio attraverso il sentimento del dolore, mentre i dipinti di Kim Ga-yeong, Kim Yeong-ae e Kim In-ok si riavvicinano al gusto più tradizionale coreano.

Dove: Galleria San Fedele n. 17, Milano (vicino Hoepli)

Quando: dal 17 al 21 luglio 2017

Vernissage: lunedì 17 luglio ore 18,00

L’arte “Minhwa” alla Fondazione Matalon di Milano.

Posted Pubblicato in Arte coreana, Cultura coreana, Eventi sulla Corea

Fino al 13 luglio 2017 sarà visitabile alla Fondazione Matalon di Milano, Foro Buonaparte n. 67, la mostra sull’arte coreana Minhwa, arte popolare di stile tradizionale.

L’esposizione si concentra sulla pittura popolare di stile tradizionale coreano dei nostri giorni ma eseguita seguendo ancora i principi e i canoni del diciassettesimo secolo. L’arte Minhwa fin dalle origini rappresenta in pittura, su carta o su tela, animali e figure della mitologia popolare, scene di vita quotidiana e oggetti quali simboli di felicità e benessere. I suoi artisti si spostavano spesso tra le città di culto per manifestazioni locali dove si fermavano per eseguire lavori su ordinazione commissionati da nobili o persone comuni. Allora, come oggi, i soggetti raffigurati più comuni sono gli animali: ad esempio, la Tigre e la Carpa simboleggiano rispettivamente potenza e successo; hanno funzione apotropaica e benaugurale anche uccelli e animali domestici come il gatto e il gallo o ancora la carpa, figura molto frequente e tra le più amate di sempre.

Il triste evento storico della Guerra di Corea (1950-1953) ha decretato il declino di questa tradizione che ha avuto una rinascita solo a partire dagli anni ottanta del secolo scorso. Grande merito nella ripresa dell’arte Minhwa va all’associazione Korean Folk Painting, la più grande in ambito artistico di tutta la Corea. Nasce nel 1995 per unire e rappresentare gli artisti che intendono proseguire e riproporre in chiave contemporanea il genere Minhwa, dando vita ad un vero e proprio movimento. Korean Folk Painting ha rapporti con il Ministero dell’Educazione della Corea del Sud che ne sovvenziona i progetti espositivi e culturali con il fine di tutelare, promuovere e tramandare questa antichissima tradizione.

>>>CLICCA QUI PER VISUALIZZARE LA GALLERY<<<

Due settimane di arte coreana a Milano!

Posted Pubblicato in Arte coreana, Cultura coreana, Eventi sulla Corea

Dal 7 al 21 luglio 2017, a Milano, due intense settimane dedicate all’arte coreana, con l’edizione 2017 della “Korean Wunderkammer”. Diversi luoghi dell’arte e della cultura accoglieranno un grande festival di arte contemporanea coreana, con pittura, scultura, fotografia ed installazioni. Nell’arco di quindici giorni sarà possibile visitare tre diverse mostre di altrettante associazioni artistiche coreane che esporranno i loro lavori presso la Fondazione Luciana Matalon, la Galleria Maec e il centro culturale San Fedele, il tutto organizzato da Orange Bridge Milano, l’Associazione Lombardia Corea, l’Associazione Korean Folk Painting ed Artevent.

Si comincia il 7 luglio presso la Fondazione Luciana Matalon. Saranno presenti più di cento protagonisti dell’arte Minhwa, la pittura popolare tradizionale coreana, presentati dall’Associazione Folk Painting.

Dal 13 luglio, presso la galleria Maec è di scena l’arte giovane coreana con pittura, scultura e installazioni di artisti provenienti da diverse aree del paese, selezionati dall’Associazione Artevent.

Dal 17 luglio invece, presso San Fedele Arte, un focus fotografico sulle tradizioni culturali e spirituali dell’isola coreana di Jeju, a cura di Orange Bridge.

VISITA LA GALLERY PER UN’ANTEPRIMA DELLE OPERE CLICCANDO QUI!